Segreteria AISLo
email: info@aislo.it
cell. +39 3661823885

Iscritta Registro APS Reg. Campania
n. 757 del 14/09/2016


big_ondaaranciodx
logo_aislopulito
big_sfondosidebar
07/03/2013, 16:01



Ricostruiamo-Citta-della-Scienza


 Comunicato stampa



Ancora una volta dal nostro Sud viene fuori un messaggio inquietante contro la cultura ed ogni speranza di riscatto civile ed umano per le nostre terre. Da tempo sostengo che la vera lotta alla camorra ed alle mafie si farà più dura dopo le condanne e  gli arresti di tanti altri  criminali. Avevo il timore di atti clamorosi e violenti.

Con il rogo di Città della Scienza eccone uno a cui nessuno avrebbe mai pensato.

A dire il vero nella storia della nostra umanità  ricordo solo un atto peggiore di questo:  i roghi di libri dei nazifascisti nelle piazze d’Europa durante la dittatura!

Anche nelle piazze del sapere dobbiamo mettere in campo tutte le risorse possibili per evitare che con il rogo muoia uno dei tentativi più belli di diffusione e sperimentazione della cultura e della conoscenza, come fattore di coesione sociale e di sviluppo locale.

Per questo sosteniamo la campagna di solidarietà e l’appello per “Ricostruiamo subito Città della Scienza” come un bene comune primario – vedi l’evento che organizzeremo venerdì 8-03 alla Feltrinelli di Caserta, con la prime significative adesioni già pervenute, come quelle del pro prof. Raffaele Martone (Pro Rettore SUN), di Luciano Morelli  (presidente Confindustria Caserta), di Antonio Lucisano (Direttore Consorzio DOP Mozzarella), Amilcare acerbi (Pedagogista), Ferruccio Diozzi (Cira), Alfredo Loso (Presidente AIF Campania), Maria Rosaria Iacono (Italia Nostra), GFranco Tozza (Legambiente), Anna Giordano (Coasca), Giuseppe Messina (Agronomo) e tanti altri cittadini/e.

Napoli e la Campania non possono permettersi di perdere uno dei pochi, se non l'unico,  progetto per il futuro realizzato negli ultimi 20 anni - a Bagnoli ma non soltanto lì – fonte di reddito per 200 persone (a cui va aggiunto tutto l’indotto), uno dei pochi centri in grado di ripensare e immaginare un'altra città. In questo momento di forte sofferenza bisogna ricostruirlo, migliorarlo, aggregare intorno a questa tragedia le forze migliori e le energie giovani. Ricostruire quel luogo per imparare a ricostruirne  - e ripensarne - altri cento.

Per non lasciare spazio a economie illegali e criminali, per invertire il segno del declino, perché il degrado non si divori un altro pezzo di territorio.

Bisogna individuare i responsabili: non soltanto dell'incendio, ma coloro che con il proprio contegno impediscono a Napoli di essere migliore.

In attesa che le istituzioni si mettano in moto, "è possibile", dicono da Città della scienza, "contribuire alla ricostruzione: è disponibile un conto corrente, intestato a Fondazione Idis Città della Scienza - IBAN IT41X0101003497100000003256 - causale Ricostruire Città della Scienza - questo è l'unico conto corrente dove esprimere il vostro sostegno - grazie di cuore".

Caserta, 6 marzo 2013


1
Create a website